FAQ

Da dove provengono gli animali ospitati negli Zoo?

Gli animali ospitati nello zoo non vengono prelevati dalla natura ma provengono da:

  • scambi con altre strutture, anche nell’ambito di progetti di conservazione (EEP)
  • nascite presso la struttura stessa
  • affidamenti in seguito a sequestri effettuati dalle autorità competenti

 Come si mantengono gli Zoo?

La maggior parte degli Zoo non riceve alcun finanziamento pubblico.

Il mantenimento degli animali ospitati, le spese di gestione, i costi del personale e lo svolgimento delle attività di ricerca e conservazione sono unicamente garantite dal biglietto d’ingresso. Ognuno di noi, scegliendo di visitare uno zoo, un acquario o un insettario sceglie di sostenere i progetti di conservazione che la struttura conduce, sia mantenendo gli animali al di fuori del proprio ambiente naturale, spesso compromesso dalle attività umane, sia proteggendo gli animali e i loro habitat direttamente in natura.

 Gli Zoo lavorano in rete?

Una rete internazionale unisce gli zoo e gli acquari di tutto il mondo, permettendo:

  • lo scambio di esperienze nel mantenimento e nel benessere degli animali
  • la riproduzione all’interno dei programmi che mirano alla gestione del patrimonio genetico delle singole specie
  • la collaborazione nei progetti di conservazione della biodiversità e di sensibilizzazione per la tutela delle risorse naturali

 Come viene garantito il benessere agli animali ospitati negli Zoo?

Cura degli animali: gli zoo e gli acquari sono in continua trasformazione.

Ogni ambiente è progettato nel rispetto delle esigenze di vita degli animali che ospita. Per ogni specie vengono tenuti in considerazione le abitudini sociali, alimentari e comportamentali. Gli spazi loro dedicati sono realizzati per garantire il ciclo biologico in tutte le stagioni.

 Chi garantisce gli standard minimi di uno Zoo?

Esiste una legislazione e una licenza che viene rilasciata dal Ministero dell’Ambiente solo se la struttura risponde a elevati standard di qualità quali:

  • spazi idonei, una dieta corretta, un livello di accudimento continuo per ogni specie animale
  • particolare cura nel valutare lo stato di benessere dell’animale seguendo parametri riconosciuti a livello internazionale
  • presenza di figure professionali, dal veterinario al keeper (addetto alla cura degli animali), all’educatore, al ricercatore scientifico
  • dimostrare di perseguire fini educativi per le scuole e il pubblico in visita, fini di ricerca non invasiva e finalizzata al miglioramento della conoscenza delle specie animali, fini di conservazione promuovendo e sostenendo progetti di salvaguardia delle specie animali in natura e in ambiente controllato.

 Per quale motivo le scuole dovrebbero visitare gli Zoo?

Gli zoo e acquari sono luoghi di sensibilizzazione ed educazione alla conoscenza del mondo animale. Ben il 60% delle scuole in visita richiedono specifiche attività didattiche progettate e realizzate da educatori specializzati.

 Chi lavora negli Zoo?

Negli zoo e negli acquari lavorano professionisti come biologi, educatori, veterinari, custodi degli animali,  ricercatori, esperti in comunicazione che insieme garantiscono l’elevata qualità dell’offerta didattica, educativa e il benessere degli animali.

 Quante sono ogni anno le persone che visitano gli Zoo?

Ogni anno nel mondo zoo e acquari vengono visitati da 700 milioni di persone di varia estrazione sociale e culturale. Visitatori di ogni età si emozionano incontrando e conoscendo gli animali da vicino. Famiglie e amici passano piacevoli momenti di svago. Artisti e fotografi sono attirati dalla varietà di forme e colori, gli zoo offrono stimoli e curiosità nell’incontro con la diversità, gli anziani trovano serenità nel contatto con la natura.